Le associazioni parte di Rete Consumatori Sicilia, ovvero CODICI SICILIA, A.I.A.C.E, Assoutenti, Officina di idee – associazione culturale, A.E.C.I., Consitalia e Prolegis interverranno presentando formale esposto nella questione dei così detti “voli fantasma” acquistabili attraverso l’ormai noto sito Peoplefly.it.

Diverse sono state le segnalazioni pervenute alle associazioni della Rete su voli diretti principalmente dal Nord al Sud Italia acquistati tramite la piattaforma da utenti che, una volta arrivati all’aeroporto, hanno trovato ad attenderli un’amara sorpresa, potendo solo riscontrare che il volo prenotato in realtà era inesistente. Molti di questi aeroporti, inoltre, alle lamentele dei consumatori riguardo l’inesistenza del volo prenotato, avrebbero risposto di non essere convenzionati con il sito in questione o di non essere addirittura a conoscenza dell’esistenza di Peoplefly.

E il tutto in periodi particolarmente caldi per il turismo e per il rientro al Sud per le vacanze (si pensi ad esempio a chi, lavoratore o studente fuori sede, tenta di ritornare in Sicilia per le vacanze), causando così gravissimi disagi ai cittadini in un momento in cui le compagnie aree vengono letteralmente prese d’assalto; cittadini che, peraltro, sembrano non aver ricevuto alcun rimborso dalla compagnia in questione.

Le sette associazioni di consumatori riunite in RETE CONSUMATORI SICILIA, a seguito peraltro di un’inchiesta aperta dall’ENAC (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile) sulle presunte violazioni dei diritti dei consumatori attuate dai gestori di Peoplefly, hanno deciso di dar voce ai diversi utenti che si sono rivolti ai loro sportelli attraverso un esposto finalizzato a fare luce su quanto subito dai cittadini che avevano riposto la propria fiducia nel sito di voli in questione.

Fatti questi che, se confermati, avranno ripercussioni non solo sui consumatori che a viaggio preparato hanno visto sparire letteralmente il proprio volo, ma che potrebbero contribuire a generare diffidenza verso il nuovo panorama commerciale rappresentato dall’e-commerce, gettando purtroppo discredito sull’effettivo funzionamento delle più innovative forme di consumerismo.

Infine, Rete Consumatori Sicilia ha istituto uno sportello apposito (presto anche online) per raccogliere tutte le eventuali ulteriori segnalazioni, che potranno essere effettuate all’indirizzo e-mail  info@rcsicilia.it .

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here